Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Arti Figurative Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Arti Figurative Fri, 14 Aug 2020 15:24:32 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/1 Covid-19 Analysis on Dimethylaminopropylamine Market : Share, Size and Growth by 2025 Wed, 12 Aug 2020 14:29:01 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655097.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655097.html Tejas Amale Tejas Amale Dimethylaminopropyl Amine Market- Competitive Landscape

In competitive landscape, the report analyses the degree of competition among the industry players as well as industry growth and market scenario. Globally dimethylaminopropyl amine market is at a growing stage which represents moderate stats in terms of market value and overall volume. Over the past few years specialty amines market has witnessed moderate demand from industries like agrochemical, water treatment, dye intermediates. Nevertheless, the degree of competition among the market players is still less, owing to limited market players across the globe. Globally market for dimethylaminopropyl amine is fragmented in nature and it is moving towards growth expansion by specifically adopting partnership, expansion and joint-venture strategies and product launch strategies.

BASF SE(Germany), Huntsman International LLC.(U.S), Eastman Chemical Company(US), Air Products and Chemicals, Inc.(US), Alkyl Amines Chemicals Limited(India), PCC Rokita SA (Poland), Realet Chemical Technology Co,Ltd (China) and others among others are some of the prominent players at the forefront of competition in the Global DimethylaminopropylamineMarket and are profiled in MRFR Analysis.  

Get a FREE Sample Now@ https://www.marketresearchfuture.com/sample_request/2492

Dimethylaminopropyl Amine Market – Overview

Dimethylaminopropylamine are organic derivatives of ammonia, in which one, two, or all three of the hydrogen of ammonia are replaced by organic groups. These amines have excellent physical and chemical properties and can offer better color and heat stability along with improved oil solubility. The global dimethylaminopropyl amine market is expected grow moderately and register a positive CAGR over the forecast period. Some of the protuberant drivers supporting the growth of global dimethylaminopropylamine market are growing demand in various application such as cosmetics & personal care, textile fibers, dyeing, medicines, lubricant additives, polyurethane catalysts, resins, other sector. However, the raw material required for the manufacturing of dimethylaminopropyl amine is very high. Additionally, the availability of raw materials for production of dimethylaminopropyl amine is also a challenging task for the manufacturers which may restrain the market. The usage of dimethylaminopropylamine is accompanied by harmful effects on environment and human health, hence stringent environmental regulations would reduce the consumption and production of amines, which is a threat to this market.

As agriculture sector accounted high contribution to the GDP of the developing economies. There is tremendous opportunity for the dimethylaminopropylamine market with its use as herbicide, insecticide, fungicide in agriculture sector for countries with developing economies. The dimethylaminopropylamine are used by many industries, including for the manufacture of agrochemical, pharmaceutical and water treatment chemical. However, recently a growing trend of use of dimethylaminopropylamine as additives for the manufacture of polyurethane foams, coatings, lubricants and detergents is observed.

DimethylaminopropylamineMarket   - Regional Analysis

Asia Pacific region accounted largest market share in the global dimethylaminopropyl amine market and expected to dominate during the forecast period due to rising agriculture sector in developing economies, water treatment, adhesives and growing pharmaceutical industry in the region. China being largest consumer, manufacturer and exporter of polyether Amine. Chinese manufacturers are mostly small manufacturers and some of the prominent manufacturers. India is the second largest consumer in Asia Pacific region. Several initiatives taken by Government of India will support the growth of coating industry in India. One of such initiative is 'Make in India'. This initiative is expected to foster growth in Indian anti-reflective coating market by allowing duty rationalization for skill development, feedstock, improving infrastructure and tax incentives for R&D investments. Approval of the GST bill is another key reform which is expected to lower logistics cost by 10-15% and create a unified market across the country. The launch of Single Window Interface for Facilitating Trade (SWIFT) by government would help importers or exporters to file a common integrated declaration, instead of 9 forms across 6 agencies. In addition to this, North America & Europe have witnessed healthy growth in dimethylaminopropyl amine market owing to a growing non-residential repair, renovation and new construction activities in the region. The launch of Single Window Interface for Facilitating Trade (SWIFT) by government would help importers or exporters to file a common integrated declaration, instead of 9 forms across 6 agencies. In addition to this, North America & Europe have witnessed healthy growth in dimethylaminopropyl amine market owing to a growing non-residential repair, renovation and new construction activities in the region. The launch of Single Window Interface for Facilitating Trade (SWIFT) by government would help importers or exporters to file a common integrated declaration, instead of 9 forms across 6 agencies. In addition to this, North America & Europe have witnessed healthy growth in dimethylaminopropyl amine market owing to a growing non-residential repair, renovation and new construction activities in the region.

For More Information on This Report Visit @ https://www.marketresearchfuture.com/reports/dimethylaminopropylamine-market-2492

NOTE: Our team of researchers are studying Covid19 and its impact on various industry verticals and wherever required we will be considering covid19 footprints for a better analysis of markets and industries. Cordially get in touch for more details.

COVID-19 Study in Detail:

Impact of COVID-19 on Iso-Propyl Alcohol Market

Impact of COVID-19 on Steel Extruded Products Market

Coronavirus Outbreak and Plastic Films Market

]]>
Il Covid-19 spiegato ai bambini attraverso i burattini Wed, 12 Aug 2020 09:57:55 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655005.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655005.html RedazioneSB RedazioneSB La rielaborazione del dolore vissuto in questi ultimi mesi di emergenza sanitaria dai bambini e bambine e dalle loro famiglie è un aspetto imprescindibile per poter guardare al futuro con positività e speranza.  Con questo obiettivo otto dottorandi in Formazione della persona e del mercato del lavoro, in collaborazione con il Centro di Ateneo per la Qualità dell’insegnamento(CQIA)hanno sviluppato il progetto educativo “Covid-19: il virus con la corona invisibile ma terribile. Le emozioni al tempo del Coronavirus”, facendo propria una delle tradizioni bergamasche più apprezzate in Italia e all’estero: i burattini. 

Un testo teatrale, rivolto a bambini della scuola primaria, incentrato sul tema delle emozioni(tristezza, paura, rabbia, disgusto, gioia, sorpresa),  è stato messo in scena in un teatro di burattinie filmato. Testo e video sono ora disponibili sul sito dell’Universitàdi Bergamocorredati di materiali come leschede di presentazionee un tutorial sulla costruzione dei burattini a guanto. Attività che stimolano lo sviluppo della manualità, come la costruzione di burattini a guanto, attraverso cui i bambini, accompagnati dagli adulti, possono mettersi in gioco in prima persona, con fantasia e creatività, inventando personaggi per raccontare nuove storie e diventare protagonisti, proiettando sul burattino i propri stati d'animo e le proprie emozioni.

I filmati dispongono anche di un riquadro con le riprese della traduzione fatta da un’interprete in lingua dei segnied è disponibile anche la traduzione del testo in simboli diComunicazione Aumentativa e Alternativa,per dare la possibilità di fruire lo spettacolo anche a bambini con disabilità uditiva o con difficoltà a usare i più comuni canali comunicativi. 

materiali utili nei corsi e laboratori del corso di laurea in Scienze della formazione primariasono anche disposizione di operatori e genitori che ne vogliano fare uso in ambito educativo e formativo, senza fini di lucro.

Una illustrazione più dettagliata del progetto e i link ai materiali sono disponibili nel sitodel Centro per la Qualità dell’Insegnamento e dell’Apprendimento CQIA e del Dipartimento di scienze umane e sociali dell’Università degli Studi di Bergamo. qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=wcC9q2vryFo

]]>
Organic Salt Market: Industry Research, Growth Trends and Opportunities During 2020 – 2025 Sat, 08 Aug 2020 04:55:59 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/654534.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/654534.html Ethan Smith Ethan Smith According to 99Strategy, the Global Organic Salt Market is estimated to reach xxx million USD in 2019 and projected to grow at the CAGR of xx% during the 2020-2025. The report analyses the global Organic Salt market, the market size and growth, as well as the major market participants.

Get Access to sample pages:  https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/9385

The analysis includes market size, upstream situation, market segmentation, market segmentation, price & cost and industry environment. In addition, the report outlines the factors driving industry growth and the description of market channels.The report begins from overview of industrial chain structure, and describes the upstream. Besides, the report analyses market size and forecast in different geographies, type and end-use segment, in addition, the report introduces market competition overview among the major companies and companies profiles, besides, market price and channel features are covered in the report.

 

Key Regions

    Asia Pacific

    North America

    Europe

    South America

    Middle East & Africa

 

Key Companies

    9Digit

    Young Jin Industry

    Semyoung Tech.

    Chemsfield (Korea)

    Denkim Kimya A.S.

    Reel Tuz Kimya

    Salina Refined Salt

    Super Salt Lamps

    Pakland Chemicals

    Pishro Chemical

    Mamta Chemicals

    Signi Chemical

 

Key Product Type

    Sodium

    Calcium

    Magnesium

    Others

 

Market by Application

    Life Sciences

    Chemical Industry

    Others

 

Main Aspects covered in the Report

    Overview of the Organic Salt market including production, consumption, status & forecast and market growth

    2015-2018 historical data and 2019-2025 market forecast

    Geographical analysis including major countries

    Overview the product type market including development

    Overview the end-user market including development

COVID-19 Impact Analysis@ https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/9385

]]>
Orientarsi con le stelle Tue, 04 Aug 2020 11:49:42 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/653820.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/653820.html De Angelis Press De Angelis Press  

Nove autori, sei italiani e tre stranieri, per trenta opere fra fotografie, video e installazioni che svelano differenti modi di riflettere sulle figurazioni magiche e poetiche attraverso cui l’uomo, lui stesso prodotto dell’universo, si rivolge e interpreta le stelle.

 

Il Comune di Milano accoglie e sostiene con entusiasmo dal 18 settembre al 31 ottobre 2020 alla Casa Museo Boschi Di Stefano di via Giorgio Jan 15 il progetto espositivo “Orientarsi con le stelle”, nato da un’idea di Red Lab Gallery e Alessia Locatelli e curato da Gigliola Foschi e Lucia Pezzulla.

La mostra, che vuole essere un segnale forte da parte del Comune di Milano della volontà di far ripartire la cultura in città dopo l’emergenza Covid-19, presenta i lavori di nove fotografi: Alessandra Baldoni, Marianne Bjørnmyr, Joan Fontcuberta, Dacia Manto, Paola Mattioli, Occhiomagico (Giancarlo Maiocchi), Edoardo Romagnoli, Pio Tarantini e Yorgos Yatromanolakis

 

L’esposizione è anche l’occasione per presentare il primo catalogo d’autore di Red Lab Editore, arricchito da una copertina illustrata con un’opera inedita di Dacia Manto e da alcuni testi di Antonio Prete, narratore e poeta, autore della recente raccolta di poesie “Tutto è sempre ora” (Einaudi, Torino 2019).

 

LA MOSTRA

“Orientarsi con le stelle” è il naturale proseguimento dell’omonima rubrica online di fotografia, arte e cultura ideata da Red Lab Gallery e condotta da Alessia Locatelli, direttore artistico dell’Archivio Cattaneo e della Biennale di Fotografia Femminile di Mantova, che durante tutto il periodo di lockdown ha dialogato con fotografi e figure significative del mondo della cultura per scoprire il loro rapporto con lo spazio stellare e la natura.

 

Gigliola Foschi: “La mostra vuole anche offrire uno spunto di riflessione per ripensare il nostro rapporto con la natura.  Una natura sempre più manipolata, tradita e di conseguenza costretta a rivoltarsi contro l’essere umano, incapace di proporre uno sviluppo rispettoso dei suoi ritmi.”

 

Gli autori coinvolti in mostra inducono l’uomo, con visioni differenti ma tutte intensamente poetiche, a comprendere meglio il mondo che lo circonda, il visibile e l’insondabile:

 

-        Alessandra Baldoni propone un dittico e un trittico della serie Atlas. Cartografie del silenzio (2019), immagini essenziali ed evocative che s’impongono allo sguardo per la loro forza magica e perturbante: inviti a ritrovare percorsi interiori, corrispondenze tra Uomo, Arte e Natura;

 

-        La norvegese Marianne Bjørnmyr con First Indicative Object (2020) presenta due mappamondi privi di informazioni geografiche illuminati da raggi luminosi orientati in modo diverso: immagini senza tempo, quasi metafisiche;

 

-        Il catalano Joan Fontcuberta con il video Milagros & Co. (Miracoli & Co., 2002) mette in gioco con humor la veridicità della fotografia sfidando la fiducia dello spettatore fino a provocare in lui un dubbio critico;

 

-        Dacia Manto con Humus Siderale (2020) propone una serie di opere realizzate appositamente per la mostra, dove immagina e fa rivivere il verde che si apriva di fronte alla Casa Boschi Di Stefano quando venne costruita da Piero Portaluppi tra 1929 e il 1931. In una installazione i disegni della natura si trasformano in mappe ramificate illuminate da piccole luci simili alle stelle che compongono una costellazione;

 

-        Paola Mattioli presenta la serie Eclissi (1999), incontro magico fra cosmo ed essere umano durante un’eclissi di sole a Sant’Anna di Stazzema. Il pergolato sotto il quale l’autrice si trovava crea e proietta su una tovaglietta decine di piccole eclissi: alla fotografa il compito di coglierne la magia e fissare l’immagine creata dalla natura stessa, per una fotografia che ci ricorda l’imprescindibile legame Uomo-Natura;

 

-        Occhiomagico (Giancarlo Maiocchi) con il ciclo L’Ora Sospesa (2006-2009) presenta un lavoro dove il paesaggio diventa il soggetto principale, la natura riacquista un’intensità quasi arcaica, religiosa e mitica, mentre i luoghi perdono le loro connotazioni geografiche e temporali e diventano spazi di silenzio e meditazione;

 

-        Edoardo Romagnoli in La luna nel paesaggio (2006-2020) sembra trascinare magicamente sulla terra l’astro lunare, quasi fosse un dardo luminoso che squarcia la superficie terrestre e ondeggia sopra i campi immersi nell’oscurità;

 

-        Pio Tarantini con Cosgomonie (2010-2015) riflette sul senso del nostro esistere tra le cose con teatrini fiabeschi creati per immergere lo spettatore in spazi e tempi sospesi e surreali;

 

-        Il giovane autore greco Yorgos Yatromanolakis con la recente serie The Splitting of the Chrysalis and the Slow Unfolding of the Wings (2014-2018) indaga, a partire dal ciclo della vita di una farfalla, i misteri e le metamorfosi della natura creando un intimo legame tra fotografia e poesia, tra emozioni e paesaggio.  

 

La mostra “Orientarsi con le stelle” - organizzata al terzo piano di Casa Museo Boschi di Stefano, in uno spazio che il Municipio 3 gestisce in accordo con la direzione del museo - integra una delle più belle collezioni d’arte moderna di Milano con le opere di nove fotografi  contemporanei.

 

 

Red Lab Gallery è un laboratorio di sperimentazione, pensato per promuovere la cultura delle immagini ma aperto a contaminazioni e narrazioni di diverso tipo.

 

 

Ufficio Stampa Red Lab Gallery

De Angelis Press, Milano

t. 02 45495191 | info@deangelispress.com

]]>
Comunicato stampa - Arteam Cup 2020 - 6a edizione | Aperte le iscrizioni Wed, 22 Jul 2020 17:41:19 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/652019.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/652019.html Villcom Villcom Gentilissimi,

Sono aperte le iscrizioni al premio d’arte contemporanea Arteam Cup 2020, sesta edizione. La mostra finale di questa edizione si terrà alla Fondazione Dino Zoli di Forlì (FC), dal 24 ottobre al 5 dicembre 2020.

Termine iscrizioni: 10 settembre 2020.

Al premio Arteam Cup sono ammesse le espressioni artistiche, raggruppate in 3 sezioni: pittura (che include anche disegno, illustrazione, incisione e grafica), fotografia (che include anche videoarte e new media art) e scultura (che include anche installazione). Il premio è a tema libero.

In allegato trovate il comunicato stampa e la locandina del premio.

Maggiori informazioni al sito: www.arteamcup.it

Ringraziandovi per la collaborazione, porgo cordiali saluti.

Elena Borneto

Ufficio Comunicazione Villcom.net
[Villaggiodellacomunicazione | Espoarte | Vanillaedizioni | Arteam]
Tel. +39 019 4500744
press@villcom.net
elena.borneto@arteam.eu
]]>
INVITO - Villa Principe Leopoldo - Lugano (CH) Tue, 21 Jul 2020 12:19:14 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/651675.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/651675.html Fond. Extrafid ART Fond. Extrafid ART







Carissimi

informo che la mostra termina giovedì 30 luglio 2020

Cordialmente

Anna Sala


Percorsi d'Arte a Villa Principe Leopoldo


Villa Principe Leopoldo è lieta d'invitarLa all'inaugurazione della mostra di

ANNA SALA 

Marine nell’altrove dell’azzurro


giovedì 12 dicembre 2019 ore 18

Presentazione di Stefano Crespi


1 dicembre 2019 - 31 marzo 2020




Via Montalbano 5  CH - 6900 Lugano (Switzerland)
Tel: +41 (0)91 985 88 55
Fax +41 (0)91 985 88 25
Email: info@leopoldohotel.com

 

Anna Sala è nata a Milano. Diplomata all’Istituto D’Arte Duccio di Buoninsegna di Siena e laureata in Storia dell’Arte Contemporanea con Enrico Crispolti, dopo una lunga permanenza nella città toscana si è trasferita in Egitto per tre anni. La frequentazione di paesaggi dalle luci e dai colori tanto diversi, quali la dolce campagna senese e il deserto nordafricano, hanno prodotto un’influenza decisiva sull’evoluzione e sul carattere così peculiare della sua pittura. Ha cominciato ad esporre regolarmente in Italia e all’estero dal 2001. Il suo percorso è stato accompagnato da una varia attenzione critica. Ha al suo attivo diversi libri d’artista, pubblicati fra gli altri con Einaudi, Pulcinoelefante, Nuova Editrice Magenta, Edizioni Casagrande.Vive e lavora a Varese

Per informazioni: Anna Sala +39 320 02 58 473



Art routes at Villa Principe Leopoldo


Villa Principe Leopoldo is pleased to invite You to the inauguration of the exhibition of

ANNA SALA

Marine nell'altrove dell'azzurro


Thursday 12 December 2019 6 pm

Presentation by Stefano Crespi


December 1, 2019 - March 31, 2020



Via Montalbano 5  CH - 6900 Lugano (Switzerland)
Tel: +41 (0)91 985 88 55
Fax +41 (0)91 985 88 25
Email: info@leopoldohotel.com


Anna Sala was born in Milan. Graduated from the Duccio di Buoninsegna Art Institute of Siena and graduated in Contemporary Art History with Enrico Crispolti, after a long stay in the Tuscan city she moved to Egypt for three years. The frequentation of landscapes with lights and colors so different, such as the sweet Sienese countryside and the North African desert, have produced a decisive influence on the evolution and the peculiarity of his painting. He began to exhibit regularly in Italy and abroad since 2001. His journey was accompanied by varying critical attention. He has several artist books to his credit, published among others with Einaudi, Pulcinoelefante, Nuova Editrice Magenta, Edizioni Casagrande. He lives and works in Varese.

For information: Anna Sala +39 320 02 58 473

 

 
 






]]>
Fluid Contemplation. Mostra online di Jinjin Dong Mon, 20 Jul 2020 17:06:04 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/651528.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/651528.html Maria Maria Il prossimo 22 luglio nella sezione Highlight di www.wepresentart.com, MA-EC gallery presenta al pubblico Fluid Contemplation,  mostra virtuale di Jinjin Dong, artista di Shanghai, classe 1977.

 

L’esposizione, a cura di Jiang Weizhen, include tre serie di lavori realizzati su tela.

 

Nella prima serie Digital Ink, oli e acrilici su tela, Jinjin Dong coniuga sapientemente la modernità digitale con l’eleganza della pittura ad inchiostro tradizionale basata sulla casualità del gesto e del pensiero poiché, come affermava nel IV secolo d.C. il noto pittore cinese Gu Kaizhi, “un artista segue il proprio pensiero che deve solo viaggiare libero” .

Jinjin Dong ritiene che la tecnologia allarghi i confini stabiliti della pittura classica cinese e che la pittura ad inchiostro non sia solo una tecnica ma espressione di un pensiero, di una condizione mentale che guarda alla tradizione e aspira alla libertà.

 

La seconda serie di opere appartiene alla corrente artistica emergente Steampunk, che si propone come un’idea innovativa e  riflette perfettamente il pensiero creativo di Jinjin Dong. Jinjin Dong spiega come l’arte della calligrafia cinese preveda che ad ogni pennellata corrisponda un tratto, l’unione dei quali dà poi vita ad un’opera astratta. In Cina si tramanda che anticamente libri e dipinti avessero un’origine comune: i libri erano anche dipinti e i dipinti erano anche libri. Attraverso la tradizione della calligrafia l’artista crea un’opera astratta, alla quale aggiunge le caratteristiche delle immagini digitali contemporanee. 

La prima opera rappresenta il carattere , ang, l’intelligenza artificiale, mentre la seconda il carattere , ran, l’elemento invisibile nella tecnologia olografica.

L’essenza dell’astrattismo risiede nel fatto che pittura e calligrafia tendono alla ricerca della bellezza della forma e dello spirito.

Per la realizzazione delle due opere, Jinjin Dong guarda allo stile del calligrafo Huai Su, vissuto durante la dinastia Tang, che realizzava calligrafie secondo lo stile “corsivo folle” (狂草, kuangcao), caratterizzato spesso dal fatto di essere poco leggibile. Osservando lo stile di Huai Su dalla prospettiva dell’estetica astratta odierna, l’artista sottolinea come ogni tratto della sua calligrafia sia separato dall'altro, creando così una struttura astratta.

La calligrafia del carattere Ang ricorda la forma di un dragone che si attorciglia attorno a un pitone,  simbolo dell’arrivo dell’era dell’intelligenza artificiale cinese. 

Il carattere Ran è caratterizzato da uno stile fluido, elegante e allo stesso tempo vigoroso. Rimanda ad un baobab nel deserto e ad un tronco di cipresso, ricollegandosi all’idea Taoista di integrazione dialettica tra uomo e natura.

 

 

 

La terza serie Through the surprise – Dreaming of Nanking  coniuga iperrealismo e pittura tradizionale, e comprende delle opere che arrivano all’immaginario del fruitore, attratto dal rigore dello stile e dalla minuzia dei dettagli.

L'artista rappresenta la città vecchia di Nanxiang, il Guyi Garden e il Tempio Yunxiang. Sullo sfondo, le montagne e i fiumi si trasformano in robot giganti, emblema dell’industrializzazione, e fusione e insieme conflitto tra tradizione e modernità.

Afferma la curatrice Jiang Weizhen che alcune figure aliene sono la metafora del contrasto tra il junk food occidentale e lo street food tradizionale cinese. Nel dipinto, i cui toni rimandano alla science-fiction, e che include significati simbolici, l’artista dipinge anche Guang Mingxian, fondatore di Nanxiang, e il suo discepolo Wu Xiangsheng.

In un angolo, una grande tavolata di persone che festeggiano con la cucina Xiaolong,  metodo culinario classificato come Patrimonio culturale immateriale. Nel dipinto, anche una miniatura del Giardino Yuyuan e una allusione al fatto che Guang Mingxian, fondatore di Nanxiang, e il suo discepolo Wu Xiangsheng possedessero la ricetta segreta del Nanxiang Xiaolong.

Jinjin Dong ha trascorso più di un anno a dipingere questi lavori. Con rigore e metodo filologico è stato a Nanxiang più di venti volte per raccogliere materiali, tre volte al Yuyuan Garden e al Tan Garden, cinque volte all’Archivio di Shanghai e diverse volte presso l’ Historical Exhibition Hall di Nanxiang.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coordinate mostra:

 

Titolo: Fluid Contemplation

            Mostra personale di Jinjin Dong. A cura di Jiang Weizhen

             Solo online su  www.wepresentart.com

 

Online su: www.wepresentart.com  dal 22 luglio al 28 agosto 2020

 

Info:  info.milanart@gmail.com;  staff@wepresentart.com

 

* per una visione ottimale, si consiglia l'utilizzo del computer

 


]]>
Le professioni: la didattica museale e delle mostre contemporanee Thu, 09 Jul 2020 15:57:42 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649767.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649767.html Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee Le professioni dell’arte possono rappresentare uno sbocco per i numerosi studenti che acquisiscono un diploma o una laurea nelle università e nelle accademie italiane. Molto spesso, però, gli atenei forniscono una preparazione prettamente teorica che rende difficile l’inserimento nel mondo del lavoro. Infatti, in particolare, l’arte contemporanea sta offrendo sempre maggiore spazio a nuove figure professionali come il project manager, l’art handler, il courier, il registrar, l’allestitore di mostre e la didattica.


L’educazione e una preparazione adeguata possono essere estremamente utili nel momento in cui si visitano musei e gallerie, siano essi di arte antica oppure di arte contemporanea. Possedere gli strumenti per leggere un’opera  equivale a comprendere quelle sfumature che introducono alla conoscenza e ad apprezzare la storia dell’arte. Per questa ragione la didattica nei musei e nelle mostre temporanee ha una missione determinante nell’educazione di tutte le fasce di età, ma soprattutto dei più giovani. Infatti la didattica è un settore in costante ricerca di sempre nuovi metodi per comunicare l’arte, ed enti pubblici e privati coinvolti nell’organizzazione di eventi espositivi richiedono sempre più spesso professionisti che abbiano le competenze per strutturare i percorsi didattici.


I percorsi guidati e gli atelier per le scuole forniscono agli insegnanti e ai loro studenti chiavi di lettura e di conoscenza dei linguaggi artistici contemporanei, per permettere a tutti di fruire in modo costruttivo e stimolante delle opere di collezioni e mostre temporanee.



FINALITA’


Il workshop ha come finalità quella di introdurre alle diversi forme di coinvolgimento che si possono costruire attorno a una mostra d’arte. Con questa offerta formativa desideriamo fornire tutti gli strumenti necessari per ideare gestire dei laboratori per bambini e dei percorsi creativi per gli adulti. L’obiettivo specifico di questo workshop è creare le competenze necessarie e aggiuntive per servizi didattici in ambito museale per un pubblico composto da varie età. Nel corso dei tre giorni verranno analizzati i processi organizzativi e sistemi di comunicazione multimediale per favorire l’accessibilità e la fruizione di contenuti culturali.


Il professionista che si occupa di didattica svolge oggi una missione importantissima che consiste nell’avvicinare il pubblico all’arte e alla cultura.



MATERIE DI STUDIO


  • Che cos’è la didattica e come si applica nei musei e mostre temporanee.

  • I laboratori per i bambini.

  • I laboratori multimediali

  • La creazione di contenuti.

  • Come comunicare una mostra al pubblico.



I DOCENTI


  • Francesca Colasante (Ufficio mostre della Collezione Pinault)

  • Aurora Fonda (direttrice della School for Curatorial Studies)

  • Michela Perrotta (Education Department Collezione Peggy Guggenheim)

  • Monica da Cortà Fumei (Fondazione Musei Civici Venezia)



IL PROGRAMMA


VENERDI 18 SETTEMBRE

Ore 10.30/11.00

Incontro e registrazione al workshop presso gli spazi della Galleria A plus A – San Marco 3073


Ore 11.00

Presentazione del programma e introduzione alla materia (Aurora Fonda direttrice della scuola)


Ore 13.30 – 14.30

Pausa pranzo


Ore 14.30 – 18.00

Introduzione alla didattica museale e delle mostre temporanee. Esempi e case study sviluppati dal dipartimento di didattica della Fondazione Musei Veneziani Monica da Cortà Fumei (Fondazione Musei Civici Venezia)


SABATO 19 SETTEMBRE


Ore 9.30 – 13.30


La mediazione culturale e le attività educative al museo: come sviluppare nuovi pubblici attraverso un approccio innovativo e multidisciplinare. 

Best practices e case studies. 

(Michela Perrotta – Coll. Peggy Guggenheim)


Ore 14.30 – 18.30

Visita guidata della mostra della Fondazione Pinault e presentazione di un percorso didattico per adulti.

Francesca Colasante (Ufficio mostre della Collezione Pinault)


DOMENICA 20 SETTEMBRE


Ore 9.30 – 13.30

Workshop "Da mediatore ad attivatore". 

Mediare un oggetto artistico vuol dire associare il suo significato originario a nuove interpretazioni. Durante il workshop si cercherà di "attivare" un oggetto artistico, aprendosi alla dimensione del gioco, dell'errore e della sperimentazione.(Michela Perrotta)


Ore 13.30 – 14.30

Pausa pranzo


Ore 14.30 – 18.00


Workshop pratico in cui elaborare la didattica di un percorso espositivo: case study la mostra di Palazzo Grassi.


Ore 18.00

Discussione e bicchiere di prosecco presso gli spazi della Galleria A plus A 



COME ISCRIVERSI:


Il termine per le iscrizioni è fissato per il 30 AGOSTO 2020. Entro quella data è necessario compilare il modulo di richiesta di ammissione e inviarlo assieme al Curriculum Vitae alla mail: info@corsocuratori.com. 


La conferma di ammissione verrà data il 2 SETTEMBRE 2020.


Il numero di posti disponibili è limitato, per cui coloro che saranno accettati al work-shop è richiesto di formalizzare immediatamente la loro domanda versando la quota per il workshop e inviando il modulo di iscrizione compilato che trovate sul sito.


La quota di iscrizione al corso è di 290,00 euro + 100 euro di iscrizione all’associazione per un totale di 390,00 euro.


Alla fine del workshop viene rilasciato un attestato di frequenza con il programma svolto nel corso dei tre giorni di lavoro e i docenti che vi hanno seguito.


Il workshop è valido per la richiesta di crediti formativi ed è a discrezione delle singole università il numero di crediti elargiti.


Aurora Fonda

School for Curatorial Studies Venice

San Marco 3073, Venezia 30124

www.corsocuratori.com

Tel: +39 041 2770466

Cell. +39 3477122456

 info@corsocuratori.com


]]>
Le professioni: la didattica museale e delle mostre contemporanee Thu, 09 Jul 2020 15:56:26 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649766.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649766.html Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee Corso in Pratiche Curatoriali e Arti Contemporanee Le professioni dell’arte possono rappresentare uno sbocco per i numerosi studenti che acquisiscono un diploma o una laurea nelle università e nelle accademie italiane. Molto spesso, però, gli atenei forniscono una preparazione prettamente teorica che rende difficile l’inserimento nel mondo del lavoro. Infatti, in particolare, l’arte contemporanea sta offrendo sempre maggiore spazio a nuove figure professionali come il project manager, l’art handler, il courier, il registrar, l’allestitore di mostre e la didattica.


L’educazione e una preparazione adeguata possono essere estremamente utili nel momento in cui si visitano musei e gallerie, siano essi di arte antica oppure di arte contemporanea. Possedere gli strumenti per leggere un’opera  equivale a comprendere quelle sfumature che introducono alla conoscenza e ad apprezzare la storia dell’arte. Per questa ragione la didattica nei musei e nelle mostre temporanee ha una missione determinante nell’educazione di tutte le fasce di età, ma soprattutto dei più giovani. Infatti la didattica è un settore in costante ricerca di sempre nuovi metodi per comunicare l’arte, ed enti pubblici e privati coinvolti nell’organizzazione di eventi espositivi richiedono sempre più spesso professionisti che abbiano le competenze per strutturare i percorsi didattici.


I percorsi guidati e gli atelier per le scuole forniscono agli insegnanti e ai loro studenti chiavi di lettura e di conoscenza dei linguaggi artistici contemporanei, per permettere a tutti di fruire in modo costruttivo e stimolante delle opere di collezioni e mostre temporanee.



FINALITA’


Il workshop ha come finalità quella di introdurre alle diversi forme di coinvolgimento che si possono costruire attorno a una mostra d’arte. Con questa offerta formativa desideriamo fornire tutti gli strumenti necessari per ideare gestire dei laboratori per bambini e dei percorsi creativi per gli adulti. L’obiettivo specifico di questo workshop è creare le competenze necessarie e aggiuntive per servizi didattici in ambito museale per un pubblico composto da varie età. Nel corso dei tre giorni verranno analizzati i processi organizzativi e sistemi di comunicazione multimediale per favorire l’accessibilità e la fruizione di contenuti culturali.


Il professionista che si occupa di didattica svolge oggi una missione importantissima che consiste nell’avvicinare il pubblico all’arte e alla cultura.



MATERIE DI STUDIO


  • Che cos’è la didattica e come si applica nei musei e mostre temporanee.

  • I laboratori per i bambini.

  • I laboratori multimediali

  • La creazione di contenuti.

  • Come comunicare una mostra al pubblico.



I DOCENTI


  • Francesca Colasante (Ufficio mostre della Collezione Pinault)

  • Aurora Fonda (direttrice della School for Curatorial Studies)

  • Michela Perrotta (Education Department Collezione Peggy Guggenheim)

  • Monica da Cortà Fumei (Fondazione Musei Civici Venezia)



IL PROGRAMMA


VENERDI 18 SETTEMBRE

Ore 10.30/11.00

Incontro e registrazione al workshop presso gli spazi della Galleria A plus A – San Marco 3073


Ore 11.00

Presentazione del programma e introduzione alla materia (Aurora Fonda direttrice della scuola)


Ore 13.30 – 14.30

Pausa pranzo


Ore 14.30 – 18.00

Introduzione alla didattica museale e delle mostre temporanee. Esempi e case study sviluppati dal dipartimento di didattica della Fondazione Musei Veneziani Monica da Cortà Fumei (Fondazione Musei Civici Venezia)


SABATO 19 SETTEMBRE


Ore 9.30 – 13.30


La mediazione culturale e le attività educative al museo: come sviluppare nuovi pubblici attraverso un approccio innovativo e multidisciplinare. 

Best practices e case studies. 

(Michela Perrotta – Coll. Peggy Guggenheim)


Ore 14.30 – 18.30

Visita guidata della mostra della Fondazione Pinault e presentazione di un percorso didattico per adulti.

Francesca Colasante (Ufficio mostre della Collezione Pinault)


DOMENICA 20 SETTEMBRE


Ore 9.30 – 13.30

Workshop "Da mediatore ad attivatore". 

Mediare un oggetto artistico vuol dire associare il suo significato originario a nuove interpretazioni. Durante il workshop si cercherà di "attivare" un oggetto artistico, aprendosi alla dimensione del gioco, dell'errore e della sperimentazione.(Michela Perrotta)


Ore 13.30 – 14.30

Pausa pranzo


Ore 14.30 – 18.00


Workshop pratico in cui elaborare la didattica di un percorso espositivo: case study la mostra di Palazzo Grassi.


Ore 18.00

Discussione e bicchiere di prosecco presso gli spazi della Galleria A plus A 



COME ISCRIVERSI:


Il termine per le iscrizioni è fissato per il 30 AGOSTO 2020. Entro quella data è necessario compilare il modulo di richiesta di ammissione e inviarlo assieme al Curriculum Vitae alla mail: info@corsocuratori.com. 


La conferma di ammissione verrà data il 2 SETTEMBRE 2020.


Il numero di posti disponibili è limitato, per cui coloro che saranno accettati al work-shop è richiesto di formalizzare immediatamente la loro domanda versando la quota per il workshop e inviando il modulo di iscrizione compilato che trovate sul sito.


La quota di iscrizione al corso è di 290,00 euro + 100 euro di iscrizione all’associazione per un totale di 390,00 euro.


Alla fine del workshop viene rilasciato un attestato di frequenza con il programma svolto nel corso dei tre giorni di lavoro e i docenti che vi hanno seguito.


Il workshop è valido per la richiesta di crediti formativi ed è a discrezione delle singole università il numero di crediti elargiti.


Aurora Fonda

School for Curatorial Studies Venice

San Marco 3073

Venezia 30124

www.corsocuratori.com

Tel: +39 041 2770466

Cell. +39 3477122456

info@corsocuratori.com


]]>
Judi Online Will Get Your Online Gaming Going Thu, 09 Jul 2020 07:30:15 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649622.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649622.html Oughestmor Oughestmor Indonesia, 09 Jul 2020 - For a second, just think that you are having your morning tea and suddenly you heard a message alert on your mobile phone. In the message, it was saying ‘you have been credited an amount of $1000 against a lottery’. How would you react to that? Well, we know that it will make you happy and curious. How about winning more money like this without any hazel? We have come with an opportunity to earn money instantly. These days online games are very popular and to earn money, there are a lot of options available in the market. An online game such as Judi Online is one of the famous game among the people as it offers a high amount of earnable money. One can surely start playing with beginner skills as it does not require you to be a professional gambler. Players from all around the world can come online and join different games, to begin with the process of earning.

To start earning money, you need to register to open an account on a website where you can start playing online games. Axioobet is one of the best websites present in the online market where you can play Judi Bola, Judi Online, Slot online, and many other famous games. The maximum number of games is played by 7-8 players where some games are played by cards and some on slot machines. This gets even more interesting when the bets are high as it increases the chances of more earnings. People can enjoy the game any time as we handle an average of thousands of players online 24/7. With the help of Situs Judi, individuals can start playing Slot Online. Besides Judi Bola, Judi Online, and Slot online there are many other games available on the website like poker online, roulette, baccarat, dice, keno, etc. To play the games, all you need to do is register for an account, and by depositing a minimum amount you can start playing games. To know more about the website, have a look at Axioobet. On visiting the website, you can know more about the games and their rules.

Individuals all around the world always try to look for a trusted and verified platform so that they could safely enjoy the games without any obstacle. This website provides you the best possible experience with utmost safety. On the website, people can find exciting offers that can offer you bonuses like referral bonuses, promotional bonuses, and weekly bonuses. With the help of the online chat support and WhatsApp chat support the members on the website are always ready to help you so that your playing never stops. Gamblers buckle up your seat to take a thrilling ride to the online gambling world. Individuals searching for more information can visit the website Axioobet.

If necessary, interested people can click here or on our official website to get complete insights Judi Online. You can also contact them by providing the information below.

Website: http://180.210.203.62/

Telephone / WA +85511615601

]]>
Maria Jole Serreli A casa mia avevo tre sedie Wed, 08 Jul 2020 18:34:20 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649551.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649551.html Maria Maria Maria Jole Serreli | A casa mia avevo tre sedie

«a casa mia avevo tre sedie: una per la solitudine, due per l'amicizia, tre per la società» (Henry David Thoreau)

 

a cura di Simona Campus

 

Cagliari, EXMA EXhibiting and Moving Arts | 11 luglio – 11 ottobre 2020

 

Dopo la lunga chiusura per il COVID e la breve parentesi di riapertura con la “coda” della mostra dedicata a Keith Haring, l’ EXMA riapre le sue sale e inaugura la stagione estiva l’11 luglio con A casa mia avevo tre sedie, una nuova produzione originale e site specific dedicata all’opera dell’artista Maria Jole Serreli, curata dalla storica dell’arte Simona Campus, direttrice artistica del centro comunale d’arte di via San Lucifero.

Con questa iniziativa si chiude il ciclo di inaugurazioni di nuovi progetti che riguardano, oltre l’EXMA, I centri comunali d’arte Il Ghetto e il Castello di San Michele.

Nella corte dell’EXMA e nella grande Sala delle Volte la mostra riscostruisce minuziosamente le stanze della casa-atelier che, a Marrubiu, nella provincia di Oristano, l’artista ha ricevuto in eredità da una prozia, in realtà, per lei, una seconda madre, trasformandola in luogo di sperimentazione e dialogo artistico. Tutti gli arredi e gli oggetti che la casa conteneva - profondamente connotata dal passaggio di esistenze femminili - sono stati conservati, i corredi e finanche il più piccolo lembo di tessuto sono stati salvati e utilizzati per la realizzazione di lavori originali, che tracciano un ponte tra passato e presente.

 

Visitabile sino all’ 11 ottobre, A casa mia avevo tre sedie è un progetto del Consorzio Camù, realizzato con il patrocinio del Comune di Cagliari, del Comune di Marrubiu e del comune di Ronghchang, nella Repubblica Popolare Cinese, ed è sostenuto dal contributo della Fondazione di Sardegna.

 

“Come molte istituzioni culturali, nazionali e internazionali – dice Simona Campus nella presentazione del progetto - durante i mesi della pandemia abbiamo lavorato per non interrompere - malgrado la chiusura - il rapporto con gli artisti e con il nostro pubblico, sviluppando progetti concepiti per essere fruiti online e sperimentando proposte che ci consentissero di continuare a essere comunità, seppur chiusi entro le mura domestiche. Di tale progettualità, anche adesso che l’emergenza sembra farsi meno pressante, facciamo tesoro

per continuare ad ampliare i nostri orizzonti, in una prospettiva di continuo rinnovamento; allo stesso tempo, la riapertura dei nostri spazi fisici ci pone domande importanti sul ruolo che l’arte può e deve avere, dopo un’esperienza così difficile, nel processo di rinascita, a partire dalla necessità di ricostruire con pazienza la fiducia gli uni negli altri e di recuperare l’empatia dello stare insieme, anche se con regole nuove. Per rispondere alle sfide di un così delicato frangente scegliamo di ricominciare dal territorio, dall’arte che nasce in Sardegna per continuare a guardare al mondo, con responsabilità, ma senza paura. E  scegliamo di ricominciare dall’idea di casa, non più o non soltanto luogo di confino - come è stato nei mesi appena trascorsi - ma come campo di forze in cui si costruisce la nostra identità più vera”

 

Da questi presupposti nasce “A casa mia avevo tre sedie, che presenta in una dimensione installativa inedita gli ultimi cinque anni di ricerca dell’artista Maria Jole Serreli. La mostra riscostruisce le stanze della casa-atelier che, a Marrubiu, nella provincia di Oristano, l’artista ha ricevuto in eredità da una cara prozia, in realtà, per lei, una seconda madre, trasformandola in luogo di sperimentazione e dialogo artistico. Tutti gli arredi e gli oggetti che la casa conteneva - profondamente connotata dal passaggio di esistenze femminili - sono stati conservati, i corredi e finanche il più piccolo lembo di tessuto sono stati salvati e utilizzati per la realizzazione di lavori originali, che tracciano un ponte tra passato e presente. Ne deriva una narrazione affascinante, intensa, che scandaglia nel profondo: spazio di vincoli forti e altrettanto forti desideri di emancipazione, di conquista della libertà, la casa è uno sfaccettato, incoerente microcosmo, in cui albergano affetti e solitudini, vociare di amicizie ma anche silenziose inquietudini, rimpianti, sconfitte. A questo composito racconto fa riferimento il titolo della mostra, che cita un passo del filosofo e scrittore Henry David Thoreau: «a casa mia avevo tre sedie: una per la solitudine, due per l'amicizia, tre per la società».

L’esposizione, articolata come un succedersi di ambienti-installazioni, preceduti  da un ulteriore intervento appositamente studiato per il piazzale dell’EXMA, presenta in ogni stanza differenti nuclei di opere, coincidenti con altrettanti momenti della ricerca di Serreli, che, figlia d’anima, fa della memoria e delle radici un forte strumento di connessione con il pianeta globale: coerentemente,  il percorso si snoda attraverso gli oggetti che sanno riscoprire, con sensibilità, la poesia delle piccole cose, che cercano di recuperare un rapporto armonico con la natura, con la terra, il legno e la pietra della nostra isola, intervallati da un corpus di lavori recenti, mai

 

 

 

esposti prima d’ora, realizzati dall’artista nell’ambito di uno scambio culturale con la Cina, a raccontare in maniera ancor più significativa il nostro tempo.

 

NOTE BIOGRAFICHE. Maria Jole Serreli è pittrice, scultrice, fiber artist e performer, capace di declinare i differenti linguaggi dell’arte contemporanea secondo una cifra personale e sempre riconoscibile. Nata a Roma nel 1975, vive e lavora a Marrubiu. La sua prima mostra personale risale al 1999. Nel 2010 vince la borsa di studio “Workshow, laboratori creativi in rete”, residenza artistica a San Sperate, presso la Scuola internazionale di scultura: qui conosce Pinuccio Sciola, alla cui memoria, e al cui magistero rimane profondamente legata. Ha preso parte a numerose esposizioni in autorevoli sedi in Italia e all’estero, tra le quali l’Università di Pisa, il Macro Testaccio di Roma, l’Art Moore House di Londra. All’EXMA di Cagliari è già stata presente con una sua opera nell’ambito della mostra collettiva “Pani e Madri, la forza generatrice dell’arte”, del 2015. In quello stesso anno è ospite della Residenza artistica Cosenza 2015 e fonda a Marrubiu “The Art House Space”, il progetto di casa-atelier cui è dedicata questa mostra. Tra le mostre recenti, la personale intitolata “Animas. Curve nella memoria”, a cura di Chiara Manca, presso il Mancaspazio a Nuoro. Dal 2019, con MA-EC Art Gallery Milano, è impegnata in uno scambio culturale con la Cina, che ha purtroppo dovuto subire dei rallentamenti a causa del diffondersi della pandemia: ha partecipato all’International Ceramics Forum, a Chongqing, nello storico distretto della ceramica di Rong Chang, nell’ambito del progetto governativo “One Belt One Road”. Alcuni dei lavori elaborati in relazione a questa iniziativa vengono esposti per la prima volta qui all’EXMA.

Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private, in Italia e all’estero.

 

 

 

Maria Jole Serreli

A casa mia avevo tre sedie

a cura di Simona Campus

 

EXMA - Cagliari Via San Lucifero 71
Dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 21.00. Chiuso il lunedì

L’ingresso alla mostra è consentito ad un massimo di 10 visitatori ogni ora con l’obbligo di mascherina. È preferibile prenotare prima i biglietti chiamando al numero 070 666399 o scrivendo a exma@consorziocamu.it

 

Biglietti
Intero: 5 €
Ridotto: 3 € (over 65 e studenti muniti di documento
)
Gratuito: bambini fino a 7 anni, disabili

]]>
Reminder - DOMANI, GIOVEDì 9 LUGLIO ore 18.00 | ECONOMIA DI MERCATO di EMILIO LEOFREDDI a cura di GIUSEPPE STAGNITTA - Inaugurazione "live e web" Wed, 08 Jul 2020 17:11:08 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649598.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649598.html Galleria Edieuropa Galleria Edieuropa
Happy Journey, 2016, plexiglass, banconota ed euro triturati dalla Banca d'Italia, cm 15x10
 

Se ha ricevuto questa mail è perché il suo nominativo è inserito nell'indirizzario della Galleria Edieuropa, che si impegna a custodire e utilizzare i suoi dati con la massima riservatezza secondo le disposizioni del D. Lgs. 196/2003.
A norma di tale legge potrà esercitare il diritto di non ricevere più comunicazioni rispondendo a questa mail, comunicandoci la sua richiesta.
 
 
Galleria Edieuropa
Piazza Cenci 56
00186 Roma
Tel. (+39) 06.68805795 / (+39) 06.64760172
edieuropa@tiscali.it / edieuropa@libero.it
www.galleriaedieuropa.it

Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp
]]>
La Galleria Edieuropa segnala: STUDIO PER IL PROFONDO 3, opera di CORRADO BONICATTI, scelta come manifesto INDA 2020 Tue, 07 Jul 2020 17:12:40 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649341.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649341.html Galleria Edieuropa Galleria Edieuropa

Clicca e Scarica il Comunicato Stampa 

https://mcusercontent.com/f0777445d067fbc7ee502a361/files/8c83fe8c-8163-47ec-b1ce-0dab33770f3e/comunicato_stampa_generale.pdf
_ _ _ 

Per maggiori informazioni

www.corradobonicatti.com

 

Se ha ricevuto questa mail è perché il suo nominativo è inserito nell'indirizzario della Galleria Edieuropa, che si impegna a custodire e utilizzare i suoi dati con la massima riservatezza secondo le disposizioni del D. Lgs. 196/2003.
A norma di tale legge potrà esercitare il diritto di non ricevere più comunicazioni rispondendo a questa mail, comunicandoci la sua richiesta.
 
 
Galleria Edieuropa
Piazza Cenci 56
00186 Roma
Tel. (+39) 06.68805795 / (+39) 06.64760172
edieuropa@tiscali.it / edieuropa@libero.it
www.galleriaedieuropa.it

Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp
]]>
Tempo materico. Mostra online di Agostino Tulumello Tue, 07 Jul 2020 11:52:31 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649196.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649196.html Maria Maria  

L’unica cosa che ci appartiene è il tempo
Seneca

 

 

MA-EC Gallery presenta la mostra virtuale Tempo materico, personale di Agostino Tulumello visibile solo online su www.wepresentart.com, la nuova piattaforma dedicata all’arte.

In esposizione dieci lavori dell’artista, realizzati in questo ultimo anno.

Scrive di lui il critico Giovanni Cardone “Le nuove opere di Agostino Tulumello raccontano quanto labile sia il confine che separa il Soggetto dall’Oggetto, l’Uomo dal Mondo che lo circonda. E quanto difficile, e doloroso, e per nulla certo, sia il processo di auto-definizione.
Le opere dell’artista non ci mostrano l’esito di questo titanico scontro, quanto piuttosto una fase, nel vivo del combattimento. Così colori e materiali che scompongono e ricompongono il piano narrativo appaiono come una vera e propria raffigurazione delle linee di forza e dei campi di energia che si sprigionano nel corso di questi eventi di autentica ontogenesi dell’Io. La nascita di un Soggetto: sia esso un pensiero, un individuo, un personaggio o una creatura degli abissi della psiche. In altre parole si potrebbe descrivere tale processo creativo come un conflitto tra la Coscienza e l’Inconscio: come l’impellente (ma impossibile) tentativo della parte solare dell’Io di rendere conto delle sue parti più oscure e irriducibili. Le nuove opere di Tulumello, che si presentano quindi al nostro sguardo come un vero e proprio ciclo tematico, anche stilisticamente coerente. O che si squadernano ai nostri occhi come una serie di capitoli di un unico ampio e articolato racconto. Ogni opera una pagina, uno spunto narrativo. Oppure la stessa storia narrata da un diverso punto di vista.”
 

 

Agostino Tulumello, nato a Montedoro nel 1959, ha vissuto a Liege, attualmente vive e lavora a Montedoro. Ha frequentato l’Istituto Statale d’arte “F. Juvara” di san Cataldo e l’Accademia Reale delle Belle Arti di Liege in Belgio. Dal 1985, anno delle sue prime esposizioni in Belgio, può vantare oltre 200 mostre sia personali sia collettive in Italia e all’estero, in gallerie e in sedi museali.

 Il concetto del Tempo ha interessato gran parte della sua ricerca artistica. Definisce se stesso con i versi Prigioniero/della griglia/ del tempo, schiavo /del dio/Kronos /legato/tra cielo e terra.
Tempo chiuso, tempo ciclico degli astri tradotto dai nostri orologi, circolo vizioso degli eterni ritorni senza uscita. Le superfici dipinte dei suoi quadri posseggono una profondità che risucchia lo sguardo: sono rappresentazioni dell’oggetto tempo, oggetto in apparenza regolare ma in profondità caotico come un minerale.

 

Coordinate mostra:

 

Titolo: Tempo materico.

            Mostra personale di Agostino Tulumello

 

Online su: www.wepresentart.com   Dall’8 luglio all’8 agosto 2020

 

Info:  info.milanart@gmail.com;  staff@wepresentart.com

 

* per una visione ottimale, si consiglia l'utilizzo del computer

 

 

]]>
Luis Cobelo, Chas Chas Mon, 06 Jul 2020 15:51:57 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649026.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649026.html Église Église Église è lieta di presentare Chas Chas di Luis Cobelo.

La mostra fotografica si inaugura sabato 11 luglio alle ore 19.00, l’apertura si dividerà in due momenti: dal 14 luglio al 01 agosto e dal 01 settembre al 03 ottobre 2020, o su appuntamento.

La mostra fotografica racconta, per la prima volta in Italia, attraverso un libro e le fotografie esposte il progetto che il fotografo ha realizzato per rendere un omaggio alla città di Buenos Aires, attraverso un quartiere particolare e poetico chiamato Parque Chas.

Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas Chas.

Il progetto si ispira all'omonima serie di fumetti argentini che Luis Cobelo ha letto 32 anni fa: il fumetto rivela, in diversi capitoli, le avventure di uno scrittore a cui è stato raccontato che lì accadono cose fantastiche e straordinarie. Dove vivono persone meravigliose e magiche.
Il motivo per cui le cose "fuori dall'ordinario" possono accadere, è che il centro del quartiere è stato costruito architettonicamente come una ragnatela o un labirinto. Gli abitanti del luogo dicono che se si entra in quella forma concentrica, si potrebbe non uscirne mai e possono accadere cose magiche, molti affermano che quella è la realtà e non quello che c'è al di fuori del quartiere. In sostanza, nel Parque Chas tutto è possibile. A distanza di tempo, Cobelo ha deciso di percorrere migliaia di chilometri per vederlo con i propri occhi. Il motivo di spinta verso Parque Chas è stato il desiderio di verificare la veridicità del detto "tutto ciò che hai perso nella vita, esiste a Parque Chas". E sì, è vero.

Chas Chas si legge come una graphic novel o una storia del mistero, con molti strati di riferimenti interni ed esterni. Il flusso di immagini evoca una logica onirica che induce a sorridere e che sembra stranamente radicata nella realtà alternativa della vita di strada di questo luogo fantastico.
Tutto questo avviene attraverso gli occhi allucinati e giocosi di Cobelo, che si muove attraverso le storie improbabili mille volte raccontate e che diventano reali, solo per chi vuole credere.
Chas Chas è uno schiocco, un luogo intangibile dove si possono ritrovare quanti sono smarriti e qualunque cosa andata persa. Può essere per tutti, tranne che per chi vuole sapere come si fanno i trucchi di magia.

Biografia di Luis Cobelo
Luis Cobelo è nato in Venezuela, dove ha studiato filosofia all’Università di Zulia. È fotografo indipendente, formatosi tra il suo paese originario e la Spagna, dal 2001 sviluppa progetti fotografici in America, Asia ed Europa, sue fotografie sono state pubblicate su riviste, quotidiani internazionali.
I progetti personali di Luis Cobelo sono focalizzati sulla cultura Sud americana, al fine di rivelarne lo spirito magico, così avviene con il primo libro del fotografo: “Zurumbático”, quest’ultimo ha catturato l’interesse in tutto il mondo, il lavoro è stato esposto in Italia, Messico, Portogallo, Venezuela, Costa Rica, Spagna e Florida. Adesso, Luis Cobelo gira il mondo per presentare “Chas Chas”, un’altra collezione di visioni, misteri e storie magiche.

Église
Église è stata fondata, a Palermo, nel 2016 da Iole Carollo, Alberto Gandolfo e Peppe Tornetta con lo scopo di promuovere la cultura visiva attraverso attività espositive, di formazione e di scambio professionale, avvalendosi della collaborazione di professionisti e operatori del settore con cui realizzare le molteplici attività. Tra il 2019 e il 2020 entrano a far parte di Église Simona Scaduto e Nicola Di Giorgio.
Église si trova nel pieno centro storico di Palermo, all’interno di una piccola chiesa barocca seicentesca che sarà oggetto di un complesso e accurato intervento di restauro, per convertire i suggestivi spazi originari in luogo espositivo e di incontri aperti al pubblico.
Nel 2019, Église con altri operatori culturali, curatori e artisti fonda KAD – Kalsa Art District, il secondo distretto artistico in Italia.

 

NORME DI SICUREZZA COVID-19. Dall’ingresso di Église, ogni attenzione sarà per la sicurezza del pubblico che può accedere a piccoli gruppi e munito di mascherina,  in caso contrario saranno fornite, e dovrà igienizzare le mani. All’ingresso, un pannello ricorda le raccomandazioni contro il contagio.

Inaugurazione 11 luglio 2020 | ore 19.00
Date 14 luglio - 01 agosto | 01 settembre - 03 ottobre 2020
Sede Église | Via dei Credenzieri, snc - 90133 Palermo
e-mail info@egliseart.com
Giorni e orari di apertura mercoledì al sabato, 16.30 alle 19.00 | su appuntamento

Sponsor tecnico PrintAndGo

Links www.egliseart.com
luiscobelo.com | www.chaschasluiscobelo.com | zurumbatico.com

Altre info Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas chas di Luis Cobelo.


]]>
Luis Cobelo, Chas Chas Mon, 06 Jul 2020 15:51:17 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649025.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649025.html Église Église Église è lieta di presentare Chas Chas di Luis Cobelo.

La mostra fotografica si inaugura sabato 11 luglio alle ore 19.00, l’apertura si dividerà in due momenti: dal 14 luglio al 01 agosto e dal 01 settembre al 03 ottobre 2020, o su appuntamento.

La mostra fotografica racconta, per la prima volta in Italia, attraverso un libro e le fotografie esposte il progetto che il fotografo ha realizzato per rendere un omaggio alla città di Buenos Aires, attraverso un quartiere particolare e poetico chiamato Parque Chas.

Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas Chas.

Il progetto si ispira all'omonima serie di fumetti argentini che Luis Cobelo ha letto 32 anni fa: il fumetto rivela, in diversi capitoli, le avventure di uno scrittore a cui è stato raccontato che lì accadono cose fantastiche e straordinarie. Dove vivono persone meravigliose e magiche.
Il motivo per cui le cose "fuori dall'ordinario" possono accadere, è che il centro del quartiere è stato costruito architettonicamente come una ragnatela o un labirinto. Gli abitanti del luogo dicono che se si entra in quella forma concentrica, si potrebbe non uscirne mai e possono accadere cose magiche, molti affermano che quella è la realtà e non quello che c'è al di fuori del quartiere. In sostanza, nel Parque Chas tutto è possibile. A distanza di tempo, Cobelo ha deciso di percorrere migliaia di chilometri per vederlo con i propri occhi. Il motivo di spinta verso Parque Chas è stato il desiderio di verificare la veridicità del detto "tutto ciò che hai perso nella vita, esiste a Parque Chas". E sì, è vero.

Chas Chas si legge come una graphic novel o una storia del mistero, con molti strati di riferimenti interni ed esterni. Il flusso di immagini evoca una logica onirica che induce a sorridere e che sembra stranamente radicata nella realtà alternativa della vita di strada di questo luogo fantastico.
Tutto questo avviene attraverso gli occhi allucinati e giocosi di Cobelo, che si muove attraverso le storie improbabili mille volte raccontate e che diventano reali, solo per chi vuole credere.
Chas Chas è uno schiocco, un luogo intangibile dove si possono ritrovare quanti sono smarriti e qualunque cosa andata persa. Può essere per tutti, tranne che per chi vuole sapere come si fanno i trucchi di magia.

Biografia di Luis Cobelo
Luis Cobelo è nato in Venezuela, dove ha studiato filosofia all’Università di Zulia. È fotografo indipendente, formatosi tra il suo paese originario e la Spagna, dal 2001 sviluppa progetti fotografici in America, Asia ed Europa, sue fotografie sono state pubblicate su riviste, quotidiani internazionali.
I progetti personali di Luis Cobelo sono focalizzati sulla cultura Sud americana, al fine di rivelarne lo spirito magico, così avviene con il primo libro del fotografo: “Zurumbático”, quest’ultimo ha catturato l’interesse in tutto il mondo, il lavoro è stato esposto in Italia, Messico, Portogallo, Venezuela, Costa Rica, Spagna e Florida. Adesso, Luis Cobelo gira il mondo per presentare “Chas Chas”, un’altra collezione di visioni, misteri e storie magiche.

Église
Église è stata fondata, a Palermo, nel 2016 da Iole Carollo, Alberto Gandolfo e Peppe Tornetta con lo scopo di promuovere la cultura visiva attraverso attività espositive, di formazione e di scambio professionale, avvalendosi della collaborazione di professionisti e operatori del settore con cui realizzare le molteplici attività. Tra il 2019 e il 2020 entrano a far parte di Église Simona Scaduto e Nicola Di Giorgio.
Église si trova nel pieno centro storico di Palermo, all’interno di una piccola chiesa barocca seicentesca che sarà oggetto di un complesso e accurato intervento di restauro, per convertire i suggestivi spazi originari in luogo espositivo e di incontri aperti al pubblico.
Nel 2019, Église con altri operatori culturali, curatori e artisti fonda KAD – Kalsa Art District, il secondo distretto artistico in Italia.

 

NORME DI SICUREZZA COVID-19. Dall’ingresso di Église, ogni attenzione sarà per la sicurezza del pubblico che può accedere a piccoli gruppi e munito di mascherina,  in caso contrario saranno fornite, e dovrà igienizzare le mani. All’ingresso, un pannello ricorda le raccomandazioni contro il contagio.

Inaugurazione 11 luglio 2020 | ore 19.00
Date 14 luglio - 01 agosto | 01 settembre - 03 ottobre 2020
Sede Église | Via dei Credenzieri, snc - 90133 Palermo
e-mail info@egliseart.com
Giorni e orari di apertura mercoledì al sabato, 16.30 alle 19.00 | su appuntamento

Sponsor tecnico PrintAndGo

Links www.egliseart.com
luiscobelo.com | www.chaschasluiscobelo.com | zurumbatico.com

Altre info Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas chas di Luis Cobelo.


]]>
Luis Cobelo, Chas Chas Mon, 06 Jul 2020 15:42:57 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649021.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649021.html Église Église Église è lieta di presentare Chas Chas di Luis Cobelo.

La mostra fotografica si inaugura sabato 11 luglio alle ore 19.00, l’apertura si dividerà in due momenti: dal 14 luglio al 01 agosto e dal 01 settembre al 03 ottobre 2020, o su appuntamento.

La mostra fotografica racconta, per la prima volta in Italia, attraverso un libro e le fotografie esposte il progetto che il fotografo ha realizzato per rendere un omaggio alla città di Buenos Aires, attraverso un quartiere particolare e poetico chiamato Parque Chas.

Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas Chas.

Il progetto si ispira all'omonima serie di fumetti argentini che Luis Cobelo ha letto 32 anni fa: il fumetto rivela, in diversi capitoli, le avventure di uno scrittore a cui è stato raccontato che lì accadono cose fantastiche e straordinarie. Dove vivono persone meravigliose e magiche.
Il motivo per cui le cose "fuori dall'ordinario" possono accadere, è che il centro del quartiere è stato costruito architettonicamente come una ragnatela o un labirinto. Gli abitanti del luogo dicono che se si entra in quella forma concentrica, si potrebbe non uscirne mai e possono accadere cose magiche, molti affermano che quella è la realtà e non quello che c'è al di fuori del quartiere. In sostanza, nel Parque Chas tutto è possibile. A distanza di tempo, Cobelo ha deciso di percorrere migliaia di chilometri per vederlo con i propri occhi. Il motivo di spinta verso Parque Chas è stato il desiderio di verificare la veridicità del detto "tutto ciò che hai perso nella vita, esiste a Parque Chas". E sì, è vero.

Chas Chas si legge come una graphic novel o una storia del mistero, con molti strati di riferimenti interni ed esterni. Il flusso di immagini evoca una logica onirica che induce a sorridere e che sembra stranamente radicata nella realtà alternativa della vita di strada di questo luogo fantastico.
Tutto questo avviene attraverso gli occhi allucinati e giocosi di Cobelo, che si muove attraverso le storie improbabili mille volte raccontate e che diventano reali, solo per chi vuole credere.
Chas Chas è uno schiocco, un luogo intangibile dove si possono ritrovare quanti sono smarriti e qualunque cosa andata persa. Può essere per tutti, tranne che per chi vuole sapere come si fanno i trucchi di magia.

Biografia di Luis Cobelo
Luis Cobelo è nato in Venezuela, dove ha studiato filosofia all’Università di Zulia. È fotografo indipendente, formatosi tra il suo paese originario e la Spagna, dal 2001 sviluppa progetti fotografici in America, Asia ed Europa, sue fotografie sono state pubblicate su riviste, quotidiani internazionali.
I progetti personali di Luis Cobelo sono focalizzati sulla cultura Sud americana, al fine di rivelarne lo spirito magico, così avviene con il primo libro del fotografo: “Zurumbático”, quest’ultimo ha catturato l’interesse in tutto il mondo, il lavoro è stato esposto in Italia, Messico, Portogallo, Venezuela, Costa Rica, Spagna e Florida. Adesso, Luis Cobelo gira il mondo per presentare “Chas Chas”, un’altra collezione di visioni, misteri e storie magiche.

Église
Église è stata fondata, a Palermo, nel 2016 da Iole Carollo, Alberto Gandolfo e Peppe Tornetta con lo scopo di promuovere la cultura visiva attraverso attività espositive, di formazione e di scambio professionale, avvalendosi della collaborazione di professionisti e operatori del settore con cui realizzare le molteplici attività. Tra il 2019 e il 2020 entrano a far parte di Église Simona Scaduto e Nicola Di Giorgio.
Église si trova nel pieno centro storico di Palermo, all’interno di una piccola chiesa barocca seicentesca che sarà oggetto di un complesso e accurato intervento di restauro, per convertire i suggestivi spazi originari in luogo espositivo e di incontri aperti al pubblico.
Nel 2019, Église con altri operatori culturali, curatori e artisti fonda KAD – Kalsa Art District, il secondo distretto artistico in Italia.

 

NORME DI SICUREZZA COVID-19. Dall’ingresso di Église, ogni attenzione sarà per la sicurezza del pubblico che può accedere a piccoli gruppi e munito di mascherina,  in caso contrario saranno fornite, e dovrà igienizzare le mani. All’ingresso, un pannello ricorda le raccomandazioni contro il contagio.

Inaugurazione 11 luglio 2020 | ore 19.00
Date 14 luglio - 01 agosto | 01 settembre - 03 ottobre 2020
Sede Église | Via dei Credenzieri, snc - 90133 Palermo
e-mail info@egliseart.com
Giorni e orari di apertura mercoledì al sabato, 16.30 alle 19.00 | su appuntamento

Sponsor tecnico PrintAndGo

Links www.egliseart.com
luiscobelo.com | www.chaschasluiscobelo.com | zurumbatico.com

Altre info Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas chas di Luis Cobelo.


]]>
Luis Cobelo, Chas Chas Mon, 06 Jul 2020 15:42:06 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649020.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/649020.html Église Église Église è lieta di presentare Chas Chas di Luis Cobelo.

La mostra fotografica si inaugura sabato 11 luglio alle ore 19.00, l’apertura si dividerà in due momenti: dal 14 luglio al 01 agosto e dal 01 settembre al 03 ottobre 2020, o su appuntamento.

La mostra fotografica racconta, per la prima volta in Italia, attraverso un libro e le fotografie esposte il progetto che il fotografo ha realizzato per rendere un omaggio alla città di Buenos Aires, attraverso un quartiere particolare e poetico chiamato Parque Chas.

Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas Chas.

Il progetto si ispira all'omonima serie di fumetti argentini che Luis Cobelo ha letto 32 anni fa: il fumetto rivela, in diversi capitoli, le avventure di uno scrittore a cui è stato raccontato che lì accadono cose fantastiche e straordinarie. Dove vivono persone meravigliose e magiche.
Il motivo per cui le cose "fuori dall'ordinario" possono accadere, è che il centro del quartiere è stato costruito architettonicamente come una ragnatela o un labirinto. Gli abitanti del luogo dicono che se si entra in quella forma concentrica, si potrebbe non uscirne mai e possono accadere cose magiche, molti affermano che quella è la realtà e non quello che c'è al di fuori del quartiere. In sostanza, nel Parque Chas tutto è possibile. A distanza di tempo, Cobelo ha deciso di percorrere migliaia di chilometri per vederlo con i propri occhi. Il motivo di spinta verso Parque Chas è stato il desiderio di verificare la veridicità del detto "tutto ciò che hai perso nella vita, esiste a Parque Chas". E sì, è vero.

Chas Chas si legge come una graphic novel o una storia del mistero, con molti strati di riferimenti interni ed esterni. Il flusso di immagini evoca una logica onirica che induce a sorridere e che sembra stranamente radicata nella realtà alternativa della vita di strada di questo luogo fantastico.
Tutto questo avviene attraverso gli occhi allucinati e giocosi di Cobelo, che si muove attraverso le storie improbabili mille volte raccontate e che diventano reali, solo per chi vuole credere.
Chas Chas è uno schiocco, un luogo intangibile dove si possono ritrovare quanti sono smarriti e qualunque cosa andata persa. Può essere per tutti, tranne che per chi vuole sapere come si fanno i trucchi di magia.

Biografia di Luis Cobelo
Luis Cobelo è nato in Venezuela, dove ha studiato filosofia all’Università di Zulia. È fotografo indipendente, formatosi tra il suo paese originario e la Spagna, dal 2001 sviluppa progetti fotografici in America, Asia ed Europa, sue fotografie sono state pubblicate su riviste, quotidiani internazionali.
I progetti personali di Luis Cobelo sono focalizzati sulla cultura Sud americana, al fine di rivelarne lo spirito magico, così avviene con il primo libro del fotografo: “Zurumbático”, quest’ultimo ha catturato l’interesse in tutto il mondo, il lavoro è stato esposto in Italia, Messico, Portogallo, Venezuela, Costa Rica, Spagna e Florida. Adesso, Luis Cobelo gira il mondo per presentare “Chas Chas”, un’altra collezione di visioni, misteri e storie magiche.

Église
Église è stata fondata, a Palermo, nel 2016 da Iole Carollo, Alberto Gandolfo e Peppe Tornetta con lo scopo di promuovere la cultura visiva attraverso attività espositive, di formazione e di scambio professionale, avvalendosi della collaborazione di professionisti e operatori del settore con cui realizzare le molteplici attività. Tra il 2019 e il 2020 entrano a far parte di Église Simona Scaduto e Nicola Di Giorgio.
Église si trova nel pieno centro storico di Palermo, all’interno di una piccola chiesa barocca seicentesca che sarà oggetto di un complesso e accurato intervento di restauro, per convertire i suggestivi spazi originari in luogo espositivo e di incontri aperti al pubblico.
Nel 2019, Église con altri operatori culturali, curatori e artisti fonda KAD – Kalsa Art District, il secondo distretto artistico in Italia.

 

NORME DI SICUREZZA COVID-19. Dall’ingresso di Église, ogni attenzione sarà per la sicurezza del pubblico che può accedere a piccoli gruppi e munito di mascherina,  in caso contrario saranno fornite, e dovrà igienizzare le mani. All’ingresso, un pannello ricorda le raccomandazioni contro il contagio.

Inaugurazione 11 luglio 2020 | ore 19.00
Date 14 luglio - 01 agosto | 01 settembre - 03 ottobre 2020
Sede Église | Via dei Credenzieri, snc - 90133 Palermo
e-mail info@egliseart.com
Giorni e orari di apertura mercoledì al sabato, 16.30 alle 19.00 | su appuntamento

Sponsor tecnico PrintAndGo

Links www.egliseart.com
luiscobelo.com | www.chaschasluiscobelo.com | zurumbatico.com

Altre info Su richiesta, presso Église sarà possibile acquistare il libro Chas chas di Luis Cobelo.


]]>
DeltArte | Ottava edizione Mon, 06 Jul 2020 12:24:29 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/648946.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/648946.html MR MR

axl-fb-01.jpeg

 

 

 

Ritorna “DeltArte – il delta della creatività”, il festival itinerante dedicato all’arte urbana a cura di Melania Ruggini e in collaborazione con l’associazione Voci per la Libertà, che movimenterà l’offerta culturale del Delta del Po e della provincia di Rovigo da luglio a dicembre. 

Il festival è inserito nel variegato cartellone culturale di “Arte per la Libertà”, il festival della creatività per i diritti umani, in collaborazione con Amnesty Italia.

 

Il leitmotiv di quest’anno è “la barca dei diritti” simbolo del tradizionale mezzo di comunicazione del territorio in cui si svolge il festival e ricca di richiami, anche simbolici, a partire dalle nuove rotte turistiche quali il Delta del Po, patrimonio Mab Unesco, al turismo slow che si sta diffondendo sempre di più grazie al cicloturismo e alla navigazione fluviale.

La barca dei diritti sarà una vera e propria installazione di arte pubblica realizzata da Zentequerente e si potrà visitare a Rosolina Mare, presso Piazzale Europa, dal 4 luglio fino a fine estate. Realizzata con bottiglie di plastica, sensibilizza il nostro pubblico sulla tematica della salvaguardia dell’ambiente e sul riciclo responsabile, per proteggere le nostri splendide spiagge, come quella di Rosolina, che anche quest’anno ha ottenuto la Bandiera Blu.

 

La curatrice di DeltArte, Melania Ruggini, racconta: “La barca dei diritti e della creatività farà tappa in numerose località del Delta del Po e del Polesine, trasformandole in porti sicuri e approdi necessari per portare la nostra street art e la nostra creatività tra la gente, quale strumento fondamentale per dare voce ai diritti umani e alle storie degli abitanti di questi luoghi sospesi tra terra e acqua. Grazie a DeltArte, il nostro territorio è diventato un museo a cielo aperto da scoprire e vivere durante tutto l’anno e che vanta ogni anno la partecipazione di artisti di fama internazionale”.

 

La street art è da sempre il fiore all’occhiello di DeltArte, che sta trasformando da 8 anni il Delta del Po e più in generale il Polesine in un vero e proprio museo diffuso, tramite la rigenerazione urbana che la street art porta con sé. 

Durante il periodo del festival i bambini e i ragazzi del territorio saranno coinvolti in prima linea nella programmazione grazie al format “Artisti per un giorno”, i workshop e i laboratori didattici del festival, che toccheranno sia i centri estivi che le scuole e saranno condotti dagli artisti invitati. 

L’ospite d’onore del festival è la street artist più conosciuta e amata e non solo in itala: stiamo parlando di Alice Pasquini, che realizzerà una delle sue meravigliose opere presso la palestra comunale di Porto Tolle, tramite una residenza d’artista dal 9 al 13 luglio. 

Si prosegue con il comune di Loreo dove dal 16 al 18 luglio C0110 farà il suo murales sulla tematica dei diritti dei bambini presso le scuole medie. 

A Villadose l’artista romano Daniele Tozzi crederà un coloratissimo calligramma formato da parole di speranza e rinascita sulla facciata della biblioteca; l’artista soggiornerà in città dal 21 al 25 luglio.

 

A settembre nel comune di Taglio di Po Alessio B creerà due opere di street art, presso l’asilo nido comunale e vicino alla biblioteca, all’insegna della rigenerazione urbana, mentre a Gavello nell’azienda agricola la Galassa ci sarà Banco Ittico che realizzerà un’opera legata alla sana e corretta alimentazione a partire dai bambini. A Lendinara è riconfermata Carolì, che porterà i suoi personaggi onirici sulla facciata della palestra della scuola media. New entry del festival il comune di Ariano Polesine, che omaggerà la storica quercia sotto la quale, secondo la leggenda, il sommo Dante Alighieri avrebbe sostato. 

A ottobre la street art arriverà infine a Rovigo, capoluogo del Polesine, con una partecipazione a sorpresa. 

 

“La grande cassa di risonanza di questo format continuerà ad essere Amnesty International, a sostegno di un festival diffuso sul territorio in grado di far parlare l’arte da un comune e importante megafono - conclude Michele Lionello di Voci per la Libertà. “Con Amnesty proponiamo il sostegno a favore di importanti campagne internazionali contro ingiustizie, violenze e discriminazioni, stimolando alla relativa sensibilizzazione”. 

 

 

 

Tutti gli aggiornamenti sui siti: www.deltarte.com 

 

Un’iniziativa  di:

DeltArte, Arte per la Libertà, Voci per la Libertà

A cura di Melania Ruggini

Con il contributo di:

CGIL Rovigo, CISL Padova e Rovigo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando “Eventi culturali”.

Comuni coinvolti: 

Adria, Ariano nel Polesine, Corbola, Gavello, Lendinara, Loreo, Polesella, Porto Tolle, Rosolina, Rovigo, San Bellino, San Martino di Venezze, Taglio di Po, Villadose, Villanova Marchesana.

Melania


]]>
CS Manzini, Tra Figurazione e Informale- alla Vi.P. Gallery Milano Sat, 04 Jul 2020 17:19:19 +0200 http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/648863.html http://comunicati.netwww.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/648863.html Zamenhof Art Zamenhof Art

Comunicato Stampa

Fiorella Manzini, tra figurazione e informale  

A cura di Virgilio Patarini.

 

Mostra allestita alla Vi.P. Gallery Milano, Alzaia Naviglio Grande,4, ma fruibile anche on line sul sito www.zamenhofart.it

 

Si inaugura mercoledì 8 luglio 2020 alla Vi.P. Gallery di Milano, Alzaia Naviglio Grande, 4, la quinta mostra post quarantena intitolata “Tra figurazione e Informale”, che vede protagonista la pittrice bolognese Fiorella Manzini con una ventina di opere di vario formato, che oscillano tra una figurazione rapida e corsiva e un Informale gestuale e materico, e che coprono un arco temporale di oltre vent’anni, dal 1999 al 2020, costituendo a tutti gli effetti una vera e propria piccola mostra antologica rappresentativa della ricerca inquieta e costante di questa artista, che pur spaziando tra soggetti diversi come nature morte o scorci di paesaggi, e tra figurazione e astrazione, riesce sempre a contraddistinguersi per uno stile e una tavolozza ben riconoscibili: una tavolozza dove le tonalità delle terre e delle ocre prevalgono, con squilli di azzurri e di rossi, e uno stile fatto di gesto e materia che dialogano tra loro in spazi rarefatti.

Con questa mostra personale termina la serie dei “recuperi” delle sei mostre in programma e rinviate durante il lockdown.

E al termine, dal 18 luglio, si terrà una mostra collettiva di tutti e sedici gli artisti trattati in permanenza dalla Vi.P. Gallery Milano e presentati nel corso della stagione, con la presentazione del catalogo generae della stagione.

 

Segnaliamo infine, che con questa mostra post-Covid19, come con le altre, verranno utilizzate nuove modalità di fruizione, sia per l’opening che per la successiva normale apertura al pubblico. Innanzitutto la mostra reale sarà accompagnata da un video e da una mostra “virtuale” che sarà visibile e visitabile on line da quanti si trovano impossibilitati a recarsi a Milano su Navigli.

E in luogo del consueto vernissage, si terrà un “opening day”, con visite guidate a piccoli gruppi, l’8 luglio, dalle 15,30 alle 18,00. Alle 18,00 poi presentazione on line della mostra con un video visibile sul sito e sul canale Youtube di Zamenhof Art e diretta Facebook dal profilo del padrone di casa, Virgilio Patarini, e dell’ospite Fiorella Manzini.

La mostra sarà visitabile fino al 17 luglio 2020, dal martedì al sabato, h 15,30-18,30; domenica, h11-13 e 14-19. Chiuso lunedì. Ingresso libero, con mascherine e due/tre persone alla volta distanziate.

 

In allegato la locandina e foto di opere

 

Per ulteriori approfondimenti  vedi sito:

www.zamenofart.it

 

 

Zamenhof Art
sito: www.zamenhofart.it   - cell. 3392939712  
  
Sedi espositive:
Vi.P. Gallery Valcamonica- Virgilio Patarini Arte Contemporanea 
Località Crist, via Nazionale, 35, 25050 Niardo (BS)

Vi.P. Gallery Milano
Milano, Alzaia Naviglio Grande, 4
]]>